Archivi del mese: febbraio 2021

I mulini ad acqua in Sicilia anticipano la rivoluzione industriale

Alla ricerca del passato                                                                                                                           I MULINI AD ACQUA IN SICILIA ANTICIPANO LA  RIVOLUZIONE INDUTRIALE                          In Sicilia il territorio della provincia di Palermo, dove sono presenti numerosi sistemi di mulini ad acqua a ruota orizzontale, distribuiti lungo gli alvei dei … Continua a leggere

Pubblicato in Argomenti vari, Uncategorized | Lascia un commento

Il ponte restaurato……..Il ponte dimenticato

Il ponte romano restaurato, siamo nell’aprile del 2015.Le ultime tre foto sono di settembre 2015 e già la vegetazione naturale impedisce di vedere il ponte.Restaurato e abbandonato ,come tanti altri beni culturali a Partinico.Le luci a terra sul ponte non … Continua a leggere

Pubblicato in Archeologia | Lascia un commento

Sulla costa di San Cataldo (Golfo di Castellammare-Terrasini), a destra (per chi guarda il mare) della foce del torrente Nocella si eleva un piccolo promontorio di forma quasi triangolare. Due lati di questo promontorio sono abbastanza scoscesi, mentre il lato che guarda il torrente ha un declivio molto più dolce che permette di salire agevolmente sulla sommità dove è possibile ancora vedere delle strutture murarie delle quali alcune sono di età medievale, altre di età più recenti. Queste strutture dovettero probabilmente servire pure durante la Seconda Guerra Mondiale come punto di avvistamento. Alle spalle del promontorio, verso l’entroterra, c’è un fossato, in parte ormai interrato, di origine medievale: vi sono state infatti rinvenute delle grosse pietre ricoperte di vetrina bianco-verdastro, il che fa supporre l’esistenza in età arabo-normanna di una fornace per la cottura del vasellame. È proprio in questo promontorio che intorno al VII sec. a. C. arrivarono alcuni coloni greci(dori) che ne fecero un vero e proprio scalo commerciale (collegato a Piano del Re) da cui attraverso il torrente Nocella potere risalire con le mercanzie verso l’entroterra.

Porto di San Cataldo negli anni ‘70(foto originale di T. Aiello) Bisogna tenere presente che il letto del Nocella era in quei tempi molto più largo ed il mare doveva essere un paio di metri più in alto dell’attuale livello, … Continua a leggere

Pubblicato in Uncategorized | Lascia un commento